Omicidio Reggio C.,forse rotti equilibri

Potrebbe rappresentare il segnale di una rottura di equilibri e rapporti di forza tra le cosche che controllano le attività illecite in città l'omicidio a "Gallico" di Reggio Calabria di Pasquale Chindemi, di 53 anni, presunto affilato alla cosca Araniti, con legami con i Condello. Chindemi, dipendente Atam, l'azienda municipalizzata trasporti, non era considerato un personaggio di spicco. L'omicidio, però, induce a riconsiderarne la figura anche per capire cosa possa avere fatto o cosa si apprestasse a fare per indurre qualcuno a decidere di ucciderlo. I carabinieri vogliono capire se l'assassinio sia da collegare ad una vendetta oppure sia un'azione preventiva della stessa cosca o di cosche rivali per eliminare un soggetto le cui "aspirazioni" potevano nuocere agli equilibri dell'organizzazione. Di certo, si rileva in ambienti investigativi, é che quello di Chindemi é un omicidio "importante" che rischia di provocare reazioni che gli investigatori vogliono scongiurare con controlli capillari.

Altre notizie

Notizie più lette

  1. Calabria WebOggi
  2. Catanzaro Web Oggi
  3. Il Giornale di Calabria
  4. Il Giornale di Calabria
  5. StrettoWeb

Gli appuntamenti

In città e dintorni

SCOPRI TUTTI GLI EVENTI

Staiti

FARMACIE DI TURNO

    Nel frattempo, in altre città d'Italia...